SOLIDARIETA’ AD ALESSANDRO DELLA MALVA, LAVORATORE E ATTIVISTA NO TAV.

Francesca Frediani, Consigliere regionale, Unione Popolare Piemonte

Esprimiamo solidarietà ad Alessandro Della Malva, operaio della Azimut di Avigliana che, nonostante le buone capacità dimostrate sul lavoro, ha saputo che il suo contratto a tempo determinato non sarà rinnovato dall’azienda.
Il fatto, come riportato dai media, è avvenuto a pochi giorni dalla visita della polizia in fabbrica per notificargli l’obbligo di firma. L’accusa contro Alessandro è di aver temporaneamente bloccato, lo scorso anno, delle attività di trivellazione geognostica. E’ possibile che questa circostanza abbia influito sulla decisione dell’azienda? Se così fosse, ci troveremmo di fronte ad una scelta incomprensibile e anche poco lungimirante: l’attivismo per una causa non ha nulla a che vedere con le capacità professionali e con la condotta sul posto di lavoro.
Per questo motivo auspichiamo che i vertici della Azimut, che in questi anni hanno più volte dimostrato attenzione nei confronti dei lavoratori che hanno contribuito a renderla un’eccellenza valsusina, chiariscano i motivi della loro decisione e valutino di poter ritornare sui loro passi.
Alessandro è rimasto senza lavoro. Il dubbio che quella “visita” da parte delle Forze dell’Ordine in azienda, indubbiamente evitabile o perlomeno procrastinabile in altra situazione e diverso contesto, possa aver influito su questo triste esito getta un’ombra sulla situazione di quanti da anni si espongono in valle contro la devastazione portata dal TAV.
La Nuova Linea Torino-Lione è un’opera inutile, costosa e dannosa che una certa politica italiana persevera nel voler costruire per soddisfare gli interessi dei grandi speculatori che traggono profitti dalle devastazioni dell’ambiente. Chi sceglie di opporsi alla sua realizzazione lo fa con consapevolezza e forte delle sue giuste ragioni, pronto ad assumersi la responsabilità delle sue convinzioni, anche nelle aule dei tribunali che da troppi anni vedono gli oppositori all’opera sul banco degli imputati, in uno scenario di criminalizzazione del dissenso che in Val di Susa sta toccando livelli decisamente spropositati.
Immaginare però che possano esserci anche ripercussioni sulla vita personale e lavorativa di chi manifesta apertamente la sua adesione alla trentennale lotta del movimento No TAV, è francamente inaccettabile.

Ultimi articoli su TAV e Valsusa


LA DESTRA DI SALVINI, ESTREMISTA ED INCAPACE, ARRIVA IN VALSUSA ACCOMPAGNATA DAL PIDDINO LO RUSSO PER CELEBRARE UN PROGETTO VECCHIO DI 30 ANNI.

18 Dicembre 2023/da movimento4ottobre

INCENDIO AL PRESIDIO NO TAV DI VAIE, ENNESIMO TENTATIVO DI INTIMIDAZIONE NEI CONFRONTI DEL MOVIMENTO

15 Settembre 2023/da movimento4ottobre

L’UNICO CRIMINE CHE VEDIAMO IN VAL DI SUSA E’ LA VIOLENZA DEL TAV CONTRO L’AMBIENTE E CONTRO UN’INTERA COMUNITA’

31 Luglio 2023/da movimento4ottobre

DALLA CONFERENZA STAMPA LA CONFERMA: IL FESTIVAL ALTA FELICITA’ SI FARA’.

24 Luglio 2023/da movimento4ottobre

SOLIDARIETA’ AD ALESSANDRO DELLA MALVA, LAVORATORE E ATTIVISTA NO TAV.

8 Giugno 2023/da movimento4ottobre

VALSUSA ZONA FRANCA NON PUO’ METTERE IN SECONDO PIANO I DANNI AMBIENTALI E SANITARI DEI CANTIERI. LA NUOVA LINEA TORINO-LIONE NON HA RICADUTE POSITIVE SUL TERRITORIO, FINALMENTE LO AMMETTE ANCHE LA MAGGIORANZA

31 Maggio 2023/da movimento4ottobre

L’APPELLO DEI PARLAMENTARI FRANCESI CONFERMA INUTILITA’ DEL “BUCO NELLA MONTAGNA”.

13 Aprile 2023/da movimento4ottobre

QUAL E’ LA POSIZIONE DI ELLY SCHLEIN SUL TAV TORINO LIONE?

20 Marzo 2023/da movimento4ottobre

Bene l’introduzione dello psicologo delle cure primarie, ora si approvi la nostra legge sullo psicologo scolastico

23 Febbraio 2023/da movimento4ottobre

Cava di Caselette, le risposte della Giunta non sciolgono i nostri dubbi

7 Febbraio 2023/da movimento4ottobre

L’ennesimo annuncio sulla realizzazione del TAV riporta il Piemonte nel passato. Ai Piemontesi servirebbe una visione moderna e orientata dal buonsenso

9 Gennaio 2023/da movimento4ottobre

LA VALSUSA NON ARRETRA DI UN CENTIMETRO. L’8 DICEMBRE È E SARÀ SEMPRE NO TAV

9 Dicembre 2022/da movimento4ottobre